UNI EN 71-3: 2019 – Migrazione di Alcuni Elementi

en-71-3
Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

In cosa consiste la verifica secondo la EN71-3?

La norma UNI EN 71-3:2019 è da sempre un caposaldo della conformità dei giocattoli, rappresentando la norma armonizzata principale per la sicurezza chimica.

Lo standard simula principalmente l’ingestione di parti del giocattolo, prevedendo una cessione, definita migrazione, dei metalli verso una soluzione acidulata.

In sostanza, si prende qualche grammo e si mette in contatto con un volume note di Acido Cloridrico diluito, a rappresentare i succhi gastrici. I metalli pesanti presenti nei pezzettini di materiale, tendono ad andare nella soluzione acida, che verrà poi analizzata mediante strumenti di alta precisione.

Questa norma è tanto importante, che spesso ci si limita ad eseguire solo questo test pensando di essere conformi a tutta la parte chimica.

Come affrontato in tanti post del ns blog, purtroppo non è così, in particolare per il REACH e altre sostanze CMR vietate, ti consiglio di dare un occhio a questo post sulla Valutazione chimica che ben approfondisce l’approccio che deve avere il produttore per garantire la sicurezza chimica del proprio giocattolo.

La norma UNI EN 71-3 si applica solo a parti accessibili del giocattoli anche per verificare eventuali contatti dermici con il bambino, non simula l’inalazione di eventuali VOC.

La norma specifica i requisiti e i metodi di prova per la migrazione di alluminio, antimonio, arsenico, bario, boro, cadmio, cromo (III), cromo (VI), cobalto, rame, piombo, manganese, mercurio, nichel, selenio, stronzio, stagno, stagno organico e zinco dai materiali che costituiscono giocattoli e da parti di giocattoli.

Questi test si fanno sui materiali che costituiscono il giocattolo, per cui è possibile avere le analisi e test EN 71-3 già dai fornitori delle materie prime usate nel giocattolo

Esistono tre categorie di giocattoli con limiti diversi, semplificando:

  • materiali secchi o in polvere
  • liquidi e colle stick
  • materiali “raschiabili”

Dopo aver messo in contatto una porzione di materiale con la soluzione acida, diversa in funzione della categoria di cui sopra e sotto agitazione per 24h, si filtra l’eluato e si analizza con metodi specifici al fine di determinare le varie concentrazioni in mg/L, per poi riportare il dato in mg/kg di materiale a cui si riferiscono i limiti di legge.

Negli ultimi anni la norma ha subito alcune variazioni sul limite del Pb, CrVI e Alluminio.

Se hai bisogno di trovare materiali già certificati e testati EN 71-3, puoi visitare la pagina dei materiali testati di giochisicuri.com cliccando qui!

materiali-testati-en71
Condividi questa pagina su
WhatsApp Facebook LinkedIn
Correlati
UNI-EN-1176-Parchi-gioco
Parchi gioco

UNI EN 1176 Normativa sui parchi giochi pubblici

In questo post tratteremo nel dettaglio le norme necessarie per certificare i giochi per parchi pubblici playground e renderli sicuri per l’utilizzo dei bambini.Entreremo nel

Marchio-CE-Giocattoli
Giocattoli

Marchio CE sui Giocattoli ed Etichettatura

Indice Cosa significa CE sui giocattoli? Quali prodotti devono avere il marchio CE? Quali tipi di certificazioni si applicano ai giocattoli? Apposizione e forma del

Trova Ispettori e collaudatori specializzati nella sicurezza dei parchi gioco

Scopri la directory di giochisicuri.com

portale-professionisti-laboratori-giocattoli

Richiedi un preventivo personalizzato per i tuoi fascicoli

  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

  • Richiedi assistenza

  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden

Apri la Chat
Necessiti Informazioni? Contattaci qui..
Ciao, possiamo aiutarti?